Pubblicato il

MEKERP: DA ORDINE CLIENTE AD ORDINE DI PRODUZIONE

Dalla singola riga di ordine cliente possiamo generare direttamente un ordine di produzione: creiamo un ordine di produzione legato alla riga di ordine cliente. Un volta creati il ciclo (e la distinta) di un codice, nella maschera di gestione degli ordini clienti, andiamo nella tab “Produzione”.

Il primo pulsante da spingere è “Controlla Dati di Produzione”. Il programma vi dice se avete inserito il ciclo ed, eventualmente la distinta. Il risultato non è vincolante. Potreste avere anche un articolo senza ciclo e volerne comunque generare l’ordine di produzione.

Il programma popone come data di fine produzione, la data di consegna prevista al cliente e propone come quantità da produrre la quantità ordinata. Questi dati possono essere variati : per esempio potete anticipare la data di fine produzione per gestire eventuali criticità oppure volete produrre una maggiore quantità di oggetti perché sapete che l’ordine sarà ripetitivo nei prossimi mesi.

Una volta spinto il tasto “SAVE”, avrete creato l’ordine di produzione, visibile in “Produzione – Ordini di Produzione”.

Torna all’indice.

 

Download PDF
Pubblicato il

MEKERP: ORDINI CLIENTI – CHIUDERE LE RIGHE

Normalmente le righe di ordine cliente vengono saldate inviando i prodotti richiesti con un documento di trasporto o una fattura. Può succedere che la riga di ordine sia non evasa ma la merce non debba essere più consegnata. Per esempio :

  • Quando consegnate parzialmente ma il cliente non ha più bisogno della restante quantità
  • Quando il cliente vi annulla una o più righe di ordine.
  • Quando avete consegnato la merce con un documento di trasporto ma non evadendo l’ordine cliente (direttamente dalla gestione documenti).

In tutti questi casi dovete saldare manualmente la riga di ordine cliente. Andate nell’ordine, selezionate la riga e spingete in basso il pulsante “SALDA RIGA”.

Torna all’indice.

Download PDF
Pubblicato il

MEKERP: ORDINI DI ACQUISTO – I COMMENTI

Nel Mekerp chiamiamo “Commenti”, le note aggiuntive. Esistono note aggiuntive per la testata e note aggiuntive nelle righe. C’è un legame tra i commenti di testata e i commenti di riga :

  1. Se inseriamo un commento nella testata, nel momento in cui creiamo una riga, questo viene copiato sulla riga. Potrà poi sulla singola riga essere modificato o cancellato.
  2. Se abbiamo un documento già creato ma vogliamo aggiungere  lo stesso commento su ogni singola riga, creiamo un commento in testata e spingiamo il tasto “Copia Commenti sulle righe”.
  3. Se non vogliamo avere lo stesso commento su ogni singola riga, data l’esistenza di questi meccanismi automatici, è necessario aggiungere le righe e “dopo” aggiungere il commento in testata.

Torna all’indice.

Download PDF
Pubblicato il

MEKERP: CHIUSURA ORDINE DI PRODUZIONE

L’ordine di produzione viene avanzato fase per fase, con una operazione manuale dall’ufficio o automatica dagli operatori (per esempio attraverso terminali).

Un ordine può comunque essere chiuso senza avanzare fase per fase ma con un comando “totale”. Questo pulsante in effetti chiude tutte le fasi in sequenza per voi creando i dovuti movimenti di magazzino, fino al carico finale dell’oggetto prodotto e con i scarichi dei componenti utilizzati.

ordpro_fase_chiudi_ordine

Torna all’indice.

Download PDF
Pubblicato il

MEKERP: MRP AVANZAMENTO E CONTROLLO

Di seguito una rappresentazione di un distinta. Abbiamo semplificato volutamente molto la distinta , considerando solo una distinta di assiemi in cascata fino all’ultimo livello in cui è presente un materiale.

MRP01

Quindi vediamo un 4 livelli.Il materiale è MECDA04/M1.

Ogni codice assieme (MECDATA01,MECDATA02,MECDATA04) ha un ciclo composto quindi da almeno una fase.

Se quindi riceviamo un ordine cliente per il codice MECDATA01 l’MRP dovrà generare 3 ordini di produzione (MECDATA01,MECDATA02,MECDATA04)  e un ordine di acquisto (MECDA04/M1)

Dall’ordine cliente si può analizzare lo stato dell’ordine in tutte le sue fasi :

MRP02

Nel nostro caso l’Mrp ha creato un ordine ci produzione di 8 pezzi perché 2 pezzi sono gia presenti in magazzino. In effetti è meglio dire che “ha proposto” la creazione di un ordine. Tale ordine è stato confermato dall’operatore.

In questo momento nessun ordine è avanzabile data la non disponibilità (o per meglio dire la “non giacenza”) del materiale ad ultimo livello (MECDATA04/M1).

Per verificare la “non avanzabilità” ci basta usare il terminale che gli operatori che utilizzano a bordo linea.

Consideriamo che il codice MECDATA04 (il padre di MECDATA04/M1) abbia sul ciclo un’unica fase che deve essere eseguita dal reparto 1.

MRP03

Il terminale non propone all’operatore alcun ordine avanzabile.

Supponiamo ora di ricevere una consegna parziale del codice MECDATA04/M1. Avevamo richiesto 32 (Pezzi), ne entrano 30. Vediamo cosa l’operatore andrà a vedere.

MRP04

Vediamo ora il controllo Avanzamento sull’ordine cliente

MRP05

Parallelamente quindi il “controllore” vede che l’ordine di produzione del codice MECDATA04 è parzialmente avanzabile.

A questo punto il nostro operatore del primo reparto finisce 10 pezzi del codice MECDATA04. L’avanzamento può essere quindi visualizzato in 2 modi :

In ufficio :

MRP06

Ecco quindi che il processo continua a “salire” verso l’alto.

Sulla produzione del codice MECDATA02 è impegnato il reparto 2. Ecco che cosa visualizza :

MRP07

In definitiva ogni reparto / centro svolge il suo lavoro e può svolgere solo alcuni lavori. Fino alla possibilità di evadere l’ordine cliente facendo una bolla o una fattura accompagnatoria.

Una volta evaso questi sono i dati in avanzamento :

MRP08

Torna all’indice.

Download PDF
Pubblicato il

MEKERP: ORDINE DI LAVORAZIONE – CONTO LAVORO PASSIVO

Quando trattiamo il conto lavoro passivo dovremmo inviare al fornitore 2 documenti :

  • Documento di trasporto con il materiale su cui dovrà operare
  • Un ordine in cui indichiamo cosa deve fare e a che prezzo. Ordine di Conto/Lavoro

Gli ordini di conto lavoro possono essere creati manualmente partendo da uno o più ordini di produzione. Accanto a questa procedura manuale ne esiste una automatica : ogni volta che viene emessa un documento di trasporto di conto lavoro il Mekerp crea anche il corrispettivo ordine di conto lavoro. L’ordine di conto lavoro generato quindi “silenziosamente” dalla procedura di creazione Documenti di trasporto, potrà essere stampato o meno servendosi del programma Produzione – ODL.

CREAZIONE MANUALE

Potete creare manualmente un ordine di lavorazione e mandarlo al fornitore “prima” di inviargli il materiale con il documento di trasporti di conto lavoro.

Produzione – ODL

Un ordine di lavorazione si genera partendo da uno o più ordini di produzione richiesti a risorse esterne (fornitori, tecnici, etc.)

odl

  1. Testata : Tutti i dati principali : pagamento, banche
  2. Dettagli : Maschera di modifica delle fasi di produzione esterne legate all’ordine di lavorazione. Sono consentite diverse modifiche direttamente da qui senza dover riaprire ogni ordine di produzione
  3. Creazione : Creazione degli Ordini di Lavorazione accorpando insieme più ordini esterni a fornitori
  4. Files : ad ogni ordine cliente possono essere legati uno o più file (Excel, word, pdf, etc.)

Torna all’indice.

Download PDF
Pubblicato il

MEKERP: CONTO LAVORO ATTIVO

Nel Mekerp è possibile la gestione del conto lavoro attivo. La gestione è resa possibile dall’utilizzo in automatico di un magazzino particolare (3) che “contiene” il materiale di proprietà del cliente in contrapposizione al magazzino dei prodotti di proprietà dell’azienda (1) e al magazzino degli oggetti in lavorazione (work in progress) (2).

Nb. Nel Mekerp è possibile creare N magazzini distinti.

Il conto lavoro attivo può avere 2 nature :

  1. Memorizzazione dell’entrata in azienda di un oggetto, di proprietà del cliente , che deve essere trasformato e restituito. Si parla di conto lavoro “senza cambio codice”.
  2. Memorizzazione dell’entrata in azienda di uno o più oggetti, di proprietà del cliente, che devono essere trasformati o utilizzati per determinare un ulteriore oggetto da restituire al cliente. Si parla di conto lavoro “con cambio codice”.

Conto lavoro senza cambio codice.

Supponiamo di ricevere da un nostro cliente un ordine di conto lavoro per eseguire una lavorazione sull’oggetto MECDATA12 di proprietà del cliente, in quantità 5. Inseriamo l’ordine cliente

contolavoroattivo01

Abbiamo ricevuto l’ordine cliente e un documento di trasporto con i 5 oggetti MECDATA12, oppure molto semplicemente, il cliente ci ha mandato il solo documento di trasporto. Nella schermata degli ordini clienti ci spostiamo nella tab del conto lavoro attivo e inseriamo i riferimenti alla bolla del cliente e al codice in ingresso.

contolavoroattivo02

In automatico il programma carica il nostro codice con una causale particolare all’interno del magazzino 3, che ora conterrà una quantità 5 del codice MECDATA12.

Ci spostiamo nella tab della Produzione e creiamo il nostro ordine di produzione. Quando andremo ad avanzare la prima fase dell’ordine di produzione, il programma scaricherà in automatico la quantità 5 dal magazzino “cliente”. Il pezzo è pronto per passare alle altre fasi di trasformazione o per essere ritornato al cliente. In questa gestione il codice MECDATA12 esiste, con lo stesso nome, in 2 nature diverse : quando è di proprietà del cliente, risiede nel magazzino 3 ed ha un certo valore proprio della sua natura; quando è nel magazzino 1 ha “acquisito” un valore addizionale a fronte della trasformazione che abbiamo effettuato su di esso.

Non sempre le aziende registrano le bolle di conto lavoro del cliente, cioè i carichi in magazzino, in caso di lavorazione senza cambio codice, soprattutto quando i tempi di trasformazione sono molto ristretti. In questo caso il Mekerp semplicemente non effettua lo scarico di un oggetto “che non c’è”, rendendo comunque congruo tutto il processo. Usare il conto lavoro attivo , nel modo indicato sopra, può essere invece utile quando i tempi di trasformazione sono lunghi ed è necessario periodicamente monitorare le giacenze “proprie” e le giacenze del cliente.

Conto lavoro con cambio codice.

E’ la gestone più standard del conto lavoro. Supponiamo di dover produrre il prodotto OGGETTO16 utilizzando (distinta base)  i codici OGGETTO12 (qta 1) e OGGETTO13 (qta 3) che riceveremo in conto lavoro dal cliente. Inoltre fa parte della distinta base anche il codice MECDATA12 che dovremmo produrre noi stessi o acquistare. Dal cliente, oltre all’ordine, riceveremo un bolla di consegna dei codici OGGETTO12 ed OGGETTO13.

contolavoroattivo03

Creiamo il nostro ordine di produzione per realizzare OGGETTO16. Viene impegnata la distinta di produzione ma mentre il codice MECDATA12 sarà prelevato dal magazzino principale , gli altri 2 codici saranno prelevati dal magazzino del cliente.

contolavoroattivo04

Sarà possibile come sempre esaminare i mancanti.

Torna all’indice.

Download PDF